Attività

 

Prossime attività

 
 

Eventi culturali

 

Celebrazioni

 

Corsi di induismo

31/03/2017
Consapevolezza del corpo & dialogo interculturale

Rivolto a insegnanti, educatori, mediatori culturali, operatori per la pace, a chi è impegnato nel dialogo interreligioso e interculturale, . Riconosciuto dal M.I.U.R. ai sensi della direttiva n. 90/2003 per la formazione del personale docente della scuola primaria e secondaria.

07/04/2017
Consapevolezza del corpo & dialogo interculturale

Rivolto a insegnanti, educatori, mediatori culturali, operatori per la pace, a chi è impegnato nel dialogo interreligioso e interculturale, . Riconosciuto dal M.I.U.R. ai sensi della direttiva n. 90/2003 per la formazione del personale docente della scuola primaria e secondaria.

10/04/2017 - 11/04/2017
Corso di induismo - Il Dio unico dai mille volti

Riconosciuto dal M.I.U.R. ai sensi della direttiva n. 90/2003 per la formazione del personale docente della scuola materna, primaria e secondaria. Orari: Sabato mattina e pomeriggio Domenica mattina Programma dell’incontro: •Le Divinità nei Veda •Le Divinità nei Purana •Gli aspetti saguna e nirguna di Dio (Brahman nirguna e Brahman saguna) •La Trimurti maschile e femminile •Pensieri su Dio dall’India contemporanea L’incontro si sviluppa in due giornate per dare la possibilità a chi fosse interessato, di partecipare, oltre che alle sessioni teoriche del sabato, ad attività pratiche alla domenica e condividere momenti di vita comunitaria nel Monastero insieme ai monaci.

11/04/2017
Consapevolezza del corpo & dialogo interculturale

Rivolto a insegnanti, educatori, mediatori culturali, operatori per la pace, a chi è impegnato nel dialogo interreligioso e interculturale, . Riconosciuto dal M.I.U.R. ai sensi della direttiva n. 90/2003 per la formazione del personale docente della scuola primaria e secondaria.


Tutti i corsi di induismo
 

Eventi di ecologia

 

Eventi di utilità sociale

 

Attività nelle scuole

 
 
 
 

Iniziative e attività per luoghi

Sto caricando la mappa ....
 
 

"...Potrebbe sorgere alla mente la domanda su quale contributo possa dare l'induismo, una religione tanto lontana dalla nostra cultura, in ambito sociale o in una corsia di ospedale. Non certo quella di stilare un prontuario di pronto soccorso per l'induista, che sarebbe quanto mai complesso, ma quello di contribuire a creare una società pluralista, costituita di individui che abbiano pari dignità e si rispettino gli uni con gli altri. La mia esperienza personale, come rappresentante dell'Unione Induista Italiana nel dialogo interreligioso, inizia nel 1997. Moltissimi sono stati gli incontri, i laboratori, le amicizie nate. La crescente apertura di conoscere e incontrarsi emerge da molti ambiti, da quello monastico, a quello scolastico-educativo e, non meno importante, da quello sanitario.

Infatti, l'ospedale diviene luogo d'incontro, "crocevia dell'umanità", come è stato definito, luogo in cui il pluralismo diventa di fatto una realtà che fa sentire la difficoltà e la complessità nel gestire rapporti non tanto di tipo religioso, ma soprattutto culturale e sociologico. Invero il problema non è semplicemente assicurare un'assistenza religiosa "plurale"; l'accoglienza del malato presuppone un concetto di persona più ampio che si estrinseca dall'attenzione al cibo, alla cura ecc. l'incontro tra culture dovrebbe generare rispetto degli usi e costumi, ma non dimentichiamo che questo atteggiamento dovrebbe essere esteso alla persona, non ridursi ad un rispetto etnico/religioso..."

[tratto da Intervista a Svamini Hamsananda Giri - Orizzonte medico - anno LXVI - N. 2 - marzo-aprile 2011 - dossier]

 
 
//]]>