COMUNICATO STAMPA

Terza edizione del Convegno "Dipavali, festa induista della Luce"

Educazione e linguaggi di convivenza
Semi di luce per un futuro che nutre e non uccide

Mercoledì 12 ottobre p.v.

Mattina ore 10:00-13:00
presso il Senato della Repubblica, Sala Santa Maria D'Aquiro (piazza Capranica 72, Roma)
(ingresso su invito)

Pomeriggio ore 14:30-17:30
Ambasciata dell'India, Auditorium (Via XX Settembre 5, Roma)
(ingresso libero con accredito)

L'Unione Induista Italiana (UII) Sanatana Dharma Samgha - celebra la terza edizione del Dipavali (o Diwali), la festa della Luce, il 12 ottobre p.v. a Roma, presso il Senato della Repubblica nella Sala di Santa Maria D'Aquiro, in piazza Capranica 72, dalle ore 10:00 fino alle 13:00 e presso la sede dell'Ambasciata dell'India a Roma, in via XX Settembre 5, dalle ore 14:30 alle 17:30.


In tale occasione, l'Unione Induista Italiana (UII), firmataria di Intesa con lo Stato Italiano (L. 31/12/2012 n. 246) organizza anche quest'anno un convegno durante il quale istituzioni politiche, autorità religiose e studiosi sono chiamati a riflettere su tematiche di attualità per rispondere a interrogativi fondamentali sull'essere uomini e donne in questo mondo.

L'evento è patrocinato dal Senato della Repubblica, dall'Ambasciata dell'India a Roma, dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma.

Il tema scelto per il convegno di quest'anno è "Educazione e linguaggi di convivenza".
Quali sono i compiti e le sfide per l'educazione oggi, in una società sempre più individualista, multiculturale, multireligiosa e tecnocentrica?
Può essere questa la chiave per accedere all'intima bellezza celata nel vivere, quella bellezza che "educherà il mondo", come afferma Papa Francesco?

La mattina i lavori saranno aperti con i saluti del Presidente onorario dell'Unione Induista Italiana, Paramahamsa Svami Yogananda Ghiri, del presidente e del Vice presidente dell'UII rispettivamente avv. Franco di Maria e Svamini Hamsananda Ghiri.

Seguiranno gli interventi dei rappresentanti politici, tra cui: il sen. Luigi Manconi, il sen. Lucio Malan, il pref. Giovanna Maria Iurato, la cons. Anna Nardini; dei rappresentanti religiosi: Padre Michael Santiago del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso; avv. Giorgio Raspa, Presidente Unione Buddhista italiana; Imam Yahya Pallavicini, presidente COREIS; le testimonianze delle comunità indù presenti in Italia; il dott. Raffaele Luise, scrittore, giornalista Rai e Vaticanista; il dott. Ernesto Iannaccone, medico e studioso di ayurveda e di sanscrito.

Sarà ospite speciale S.E. Anil Wadhwa, Ambasciatore dell'India a Roma.

Alle 14:30 si svolgerà la cerimonia rituale di accensione della Lampada, a cui seguirà un interludio artistico con la danza kuchipudi - danza classica dell'India - a cura di Atmananda, direttrice della Talavidya Academy.

Due ospiti d'eccezione dall'India, i professori di sanscrito K.S. Balasubramanian e T.V. Vasudeva, docenti del Kuppuswami Sastri Research Institute di Chennai saranno i keynote speakers del convegno pomeridiano, "Educazione e valori, tra tradizione e modernità".
Il convegno riunirà esponenti di pregio della comunità accademica italiana e internazionale che proporranno riflessioni e approfondimenti sul tema dagli ambiti specifici di loro competenza.
Tra questi il prof. Bryan Lobo, SJ, Professore Straordinario, Pontificia Università Gregoriana ed esperto di Dialogo interreligioso; il prof. Paolo Naso, docente di Scienza politica presso l'Università La Sapienza di Roma e coordinatore del Master in Religioni e mediazione culturale presso la stessa Università; il prof. Raffaele Torella, professore ordinario di Lingua e Letteratura sanscrita e di Religioni e Filosofie dell'India presso la Facoltà di Studi Orientali di Roma; il dott. Luigi Pievani, Dirigente del MIUR; la dott.ssa Elide Maria Taviani, formatrice e membro del direttivo dell'Opera Nazionale Montessori; la dott.ssa Grazia Francescato, giornalista ed ex- presidente della Federazione dei Verdi; la Maestra Luana Palladino del Conservatorio di musica di Santa Cecilia di Roma.
Modera: dott. Raffaele Luise, scrittore, giornalista Rai e Vaticanista.

###

L'Unione Induista Italiana Sanatana Dharma Samgha - è l'Ente religioso che rappresenta la comunità induista in Italia. Nel 2012, il Parlamento Italiano ha ratificato con l'UII l'Intesa ai sensi dell'articolo 8 comma 3 della Costituzione (L. 31/12/2012 n. 246).

Per approfondimenti: www.hinduism.it | Vedi sito Dipavali

[CHE COS'è IL DIPAVALI]

Il Dipavali, "Festa delle Luci", è una ricorrenza che coinvolge profondamente la comunità induista in tutto il mondo. In Italia, in base alla Legge d'Intesa 31/12/2012 n. 246, è per gli induisti la festività religiosa ufficiale, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. In un Paese multireligioso e multietnico come l'India, è una tra le molte festività e ha il potere di avvicinare e unire milioni di persone appartenenti a tradizioni religiose differenti, tra queste quella induista, sikh e jaina.
Oggi, nel mondo, il Dipavali è il "Natale induista".
File di lumini rischiarano le abitazioni nell'attesa della Divinità femminile Laksmi, simbolo di prosperità, divinità che elargisce doni materiali e spirituali. Ci si scambiano regali, si avviano nuove attività commerciali, si festeggia l'amicizia, l'amore fraterno, la luce dissipatrice dell'ignoranza.

Si ricorda che per la sessione mattutina:
I giornalisti devono accreditarsi presso l'Ufficio stampa del Senato
Fax: 06.6706.2947 e-mail: uff.stampa@senato.it

INFORMAZIONI DI CONTATTO:
Unione Induista Italiana Sanatana Dharma Samgha
Ufficio stampa: Shuddhananda – cell: 3456091329
ufficiostampa@induismo.it
segreteria@induismo.it
www.hinduism.it

Unione Induista Italiana
Sede Legale: Roma; Sede amministrativa: Loc. Pellegrino 1 - Altare (SV)

Facebook
Tutti i diritti riservati. Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza preventiva autorizzazione scritta.